MAKAKOTEAM

Patterned Text Generator at TextSpace.net

domenica 30 agosto 2015

DOMENICA 6 SETTEMBRE MAKAKOTEAM RUNNING

Domenica 6 settembre per i makaki running non potete perdere l'appuntamento piu' atteso nel mio piccolo paese:Cascina del sole
Percorso da 5km-15km-21 km
VI ASPETTO NUMEROSI 


BEN TORNATI MAKAKI................

Domenica di rientro per i nostri makaki che per l'occasione non si sono fatti mancare nulla.
Partenza ufficiale dalla villa oggi invasa da centinaia di ciclisti pronti a sfoggiare la condizione post vacanze.
Al via si presentano i big del Makakoteam che fin dall'inizio impostano un ritmo indiavolato all'uscita che doveva essere tranquilla.
All'attacco del Ghisallo ad Erba il mio garmin registrava velocita media 30km/h.........mah
Affrontiamo le prime rampe di Segrino poi a qualcuno viene in testa un'idea veramente malsana...
Facciamo Lasnigo..........cosa e' Lasnigo:
Se il Muro di Sormano ha soddisfatto le vostre aspettative, non dovete lasciarvi sfuggire questa stupenda salita che trovate a pochi chilometri di distanza. Impressionanti i primi 2100 metri con una pendenza media del 12% con punta del 20%; riuscirete a non mettere il piede a terra? Poi tutto cambia e vi ritroverete in una piccola e stupenda conca. IMPERDIBILE!.
Giunti in cima la soddisfazione e' tanta ma ci aspetta ancora la salita di San Primo.
Putroppo a causa del nostro Giulio(copertone tagliato con1 ora di pausa)dobbiamo evitare il 
Superghisallo previsto per non incappare in un rientro tardivo.
Un grazie al nostro Marione che per l'occasione si e' trasformato in carro scopa.....
Se vi capita di fare un regalo al nostro Giulio Sanna vi propongo questo
il giro prosegue  e il ritorno si formano due gruppetti.
Un treno di Makaki che grazie alla loro velocita' folle mietono vittime sul percorso poi recuperate dal solito Tram che non lascia mai nessuno per strada.
Per l'occasione il presidente ha offerto un buon caffe' per festeggiare il matrimonio di sua figlia insieme al nostro makako Marco

dal vostro inviato Favatar79




venerdì 28 agosto 2015

IL RE DELLE GRAN FONDO USAVA L’EPO ANZICHE’ LE MALTODESTRINE ????

Ciclismo. Doping, positivi Gilberto e Cunico
NOTIZIE CICLISMO – Il Coni ha comunicato che a seguito degli esami eseguiti dal Laboratorio di Roma, sono stati accertati due casi di positività. Nel primo campione analizzato è stata rilevata la presenza di Benzoilecgonina (metabolita della cocaina) per Rico Francesco Gilberto, tesserato Csain, al controllo in competizione disposto dal Comitato controlli antidoping-Coni Nado l’8 agosto a Chiaramonte Gulfi, Ragusa, in occasione della 12esima Coppa Ciclistica S.S. Salvatore. Nel primo campione analizzato, è stata rilevata la presenza di Eritropoietina Ricombinante per Roberto Cunico, tesserato Acsi, al controllo in competizione disposto dal Comitato controlli antidopingConi Nado il 2 agosto a Sestriere, in occasione della gara ciclistica Gran Fondo Sestriere-Marmotte. La Prima Sezione del Tribunale Nazionale Antidoping su istanza dell’ufficio Procura Antidoping, ha disposto la sospensione cautelare per Rico Francesco Gilberto e Roberto Cunico. (Adnkronos)

Non aggiungo altro...il doping amatoriale e' veramente qualcosa di squallido.
Rovinarsi la salute per vincere un salame o una misera medaglia.

giovedì 27 agosto 2015

30 AGOSTO:UN RITORNO SUPER(GHISALLO)

Salve Makaki e ben rientrati dalle ferie.Il nostro tram non va mai in vacanza e per domenica vi accoglie con un ritorno veramente invitante.
PARTENZA ORE 7:30 DAL CAPOLINEA
PARTENZA UFFICIALE DALLA VILLA ORE 8.00
RIENTRO PREVISTO 12:30 MAX 13
KM 130 dislivello 1800




Visto che avremo delle condizioni di forma non ottimali si affrontera' il Ghisallo dalla parte piu' facile per invogliare tutti ad uscire....occhio agli strappetti
Giunti in cima per lo scollinamento affronteremo la breve discesa che ci portera' a Civenna dove riprenderemo la salita per raggiungere Pian Del rancio....diciamo una soluzione piu' dolce del mitico Superghisallo.
Logicamente per chi non vorra' salire potra' fare tappa alla chiesetta e poi scendere o aspettare il gruppo per il ritorno a casa passando da Ponte Lambro dove si affrontera' un altro strappetto interessante...........

DESCRIZIONE SALITA
Fino ad Erba la strada non presenta particolari difficoltà altimetriche, da Erba a Barni invece si incontrano le prime vere salite, infatti si sale a gradini anche se con pendenze contenute ed intervallate da falsopiani lungo il lago del Segrino fino alla stazione di Canzo e fra Lasnigo e Barni.
Il fatto che la salita più impegnativa si trovi nell'ultimo segmento, prima di affrontare il ritorno, deve indurre ad amministrare saggiamente le energie, per arrivare in buone condizioni al tratto finale, da Barni al Ghisallo, questa salita, su una strada larga e diritta, presenta pendenze che arrivano in alcuni punti fino all' 11%.

Il kilometraggio e' di circa 130 km con un dislivello di circa 1800 mt.Il meteo prevede bel tempo e delle temperature gradevoli.Mi raccomando Mantellina per scendere e alimentazione.
Il giro non presenta difficolta' rilevanti fino al Ghisallo mentre la salita a Pian del Rancio puo' nascondere insidie se si e' poco allenati.

VI ASPETTIAMO NUMEROSI E COME DICE IL PRESIDENTE MENATE..............


lunedì 24 agosto 2015

PROPOSTE INEDITE

mancano poche settimane alla partenza!!! 
Due incredibili avventure per gli amanti della MTB!
Giordania e Marocco ti aspettano!



sali in sella alle tua mountain bike
e partecipa anche tu?!

Il fascino del deserto ti conquisterà:
per te sarà un'esperienza davvero indimenticabile.

PROGRAMMI VIAGGIO:



MAGGIORI INFORMAZIONI TECNICHE:
Daniele 388 79 12 394
Andreas 329 32 63 155

DESARTICA e VIAGGI con la SCOSSA ti aspettano

>      


_________________________________________________________

Ai sensi dell'art. 13 del Codice sulla Privacy (D.Lgs 196/2003), informiamo che il Suo indirizzo si trova nella nostra mailing list, è trattato con riservatezza e non verrà divulgato. In ogni momento sarà possibile chiedere di essere rimossi dalla nostra mailing list inviando una mail di risposta a info@laveciaferovia.it con soggetto "CANCELLAMI". Una mancata risposta, invece, verrà considerata come consenso alla spedizione delle e-mail informative

Wolf Bike Tour non è solo natura

http://mysdam.simply-webspace.it/nl/Altre/WolfBikeTour/2015/invio_3/WBT_3vid.jpg

domenica 23 agosto 2015

USCITA FICATA MAKAKA

Nonostante la giornata autunnale di questo fine agosto io,lepre e Bianchi ci siamo concessi un'uscitina nella classica Brianza.Tra strappetti e qualche spruzzata di pioggia ci siamo concessi il Colle Brianza da via Mulino e il Lissolo.Il giro e' stato caratterizzato da pause sia al bar ma anche davanti ad una pianta di fichi alla quale non abbiamo potuto resistere,risultato 2 kg di fichi raccolti,peccato che non avevamo lo zaino.
Notoriamente dolci, i fichi contengono in realtà 47 kcal per 100 gr, una quantità inferiore rispetto a quella di uva e mandarini (che contengono più di 70 kcal per 100 gr). I semi, le mucillagini, le sostanze zuccherine contenute nel cosiddetto frutto, fresco o secco, esercitano delicate proprietà lassative, utili, per esempio, ai bambini, in quanto stimolano la peristalsi intestinale. Nei fichi freschi sono contenuti enzimi digestivi che facilitano l'assimilazione dei cibi. I fichi svolgono un'azione caustica e proteolitica a difesa della pelle. Il frutto ha poi moltissime altre applicazioni: viene usato come impacco sugli ascessi e i gonfiori infiammati, contro i foruncoli e possiede la dote di curare infiammazioni urinarie e polmonari, stati febbrili, gastriti.
Oltre che di potassio, ferro e calcio, i fichi sono anche ricchi divitamina B6: tre fichi ne contengono 0,18 mg, pari al 9% del fabbisogno giornaliero; sono anche ricchi di vitamine del gruppo A, B1, B2, PP, C. 


sabato 22 agosto 2015

DOMENICA 23/08 IL RIENTRO

Salve makaki dopo le ferie si ritorna in bici .Per chi volesse domani abbiamo due appuntamenti 
Giro della tranquillità post Svizzera e post vacanze :la solita Brianza ore 7:30 capolinea capotreno Favatar 
Giro dei Kattivi con Cuvignne ore 7 Esselunga di Garbagnate capotreno gibertoni 
A voi la scelta

3 PASSI PIU' LUNGHI DELL'OBERALPASS............

Grande avventura per i nostri makaki ed ex:Favatar,Francesco&Anna,Jack,Rino,Maurizio Bike,Giancarlo e Claudio.
Per questo scorcio di fine agosto ci siamo regalati l'anello dei tre passi svizzeri:San Gottardo,Oberalpass e Passo di Lucomagno.
Partenza da Biasca e direzione Airolo dove imbocchiamo la salita.

La Parigi Roubaix delle Alpi: questa - in sintesi - la salita della Val Tremola che conduce al passo del San Gottardo. Un'esperienza insolita, pedalare in montagna sul pavè,  che non può mancare nel bagaglio di un salitomane: una strada spettacolare per la sua unicità, per il paesaggio e per la quasi totale assenza di traffico, deviato sulla vicina superstrada. Anche se alla sera avrete un po' di mal di schiena ricorderete per sempre questa salita...
La salita al Passo del Gottardo inizia ad Airolo, centro nevralgico del turismo (e del traffico...) ticinese, poichè qui si imbocca la galleria del Gottardo. Chi vuole salire al passo evitando il traforo invece può usufruire della nuova superstrada (costruita negli anni settanta) oppure percorrere la vecchia strada della Val Tremola: fortunatamente per noi ciclisti non tutti sanno che quest'ultima via è ancora perfettamente agibile ed in ottime condizioni. La strada carrozzabile fu iniziata nel 1819 ed ebbe un ruolo importante per lo scambio di merci con il centro Europa: il pavè con cui era originariamente lastricata la strada è stato a tratti sostituito dall'asfalto e dal cemento, soprattutto nel primo tratto dopo Airolo, ma fortunatamente gran parte della pavimentazione è rimasta, specie nella seconda parte dell'ascesa, con gli spettacolari tornanti della Val Tremola.
Partenza dunque dal centro di Airolo, facendo bene attenzione a non seguire le indicazioni in verde per la superstrada: un primo tratto piuttosto ripido ci porta ben presto all'uscita del paese, poi la pendenza si addolcisce notevolmente permettendo di godere di ottime viste sulla città ai nostri piedi. Al km. 2 incontriamo un primo  bivio per la superstrada che ignoriamo tenendo sempre la destra: ben presto incontriamo i primi tratti in pavè, talvolta frammisto all'asfalto: le nostre ruote cercano le esili lingue di asfalto per sfuggire alle terribili vibrazioni che il pavè trasmette al telaio, e la velocità si riduce sensibilmente.
Passiamo alcune costruzioni militari e giunti nei pressi del Motto Bartola (km. 5,4 mt. 1527) incrociamo nuovamente la superstrada: inizia qui la Val Tremola, come indicato dai cartelli, ed è sicuramente il tratto più spettacolare ed impegnativo della salita. Affrontiamo un lungo rettilineo prima di volgere decisamente ad ovest lungo una valle apparentemente invalicabile: comincia il pavè, regolare ed uniforme, in perfette condizioni di manutenzione, e dopo un ponticello ci apprestiamo ad affrontare una magnifica scalinata di tornanti  ravvicinati. La strada è un vero capolavoro di ingegneria, e percorrerla incute grandi sensazioni, quasi non si avvertono più le vibrazioni talmente siamo assorti nella nostra fatica: l'ascesa è solitaria, anche in pieno agosto rarissime sono le vetture che si avventurano lungo questa strada. In alto scorgiamo i viadotti della superstrada, ferite aperte nel fianco della montagna: noi proseguiamo invece lungo gli innumerevoli tornanti guadagnando rapidamente quota con pendenze regolari, anche se non mancano tratti decisamente impegnativi, come quello compreso tra i km. 8,8 e 9,3 dove la pendenza media è dell' 11 per cento.

Estremamente perfido l'ultimo rettilineo finale che conduce al passo, spesso battuto dal vento: giunti in vetta l'incanto della scalata solitaria svanisce ben presto, il traffico è caotico, opprimente, e non vale la pena spendere molto più del tempo necessario per rifocillarsi e per prepararsi alla discesa.






Si riparte direzione Oberalpass.
Salita non troppo dura caratterizzata dal passaggio del trenino rosso svizzero che la fa da padrone.

Giunti in cima il nostro contachilometri segna gia' 90 km e ci manca ancora il passo del Lucomagno.
 Sul versante settentrionale il percorso inizia a Disentis (1143m), storica località sul percorso stradale e ferroviario che collega Coira ed Andermatt attraverso il passo dell'Oberalp.
Si scende ad attraversare il ponte (1075m) sul Reno Anteriore e si inizia a salire ripidamente con tracciato tortuoso attraversando numerosi brevi gallerie in una stretta gola rocciosa.
Con pendenza moderata e due tornanti si raggiunge Curaglia (1332m), principale centro del Val Medel dove è ancora parlata la lingua ladina o romancia; si superano Platta (1389m) e Pardé (1399m), si attraversa una breve galleria e si superano Mulins (1422m), Catinauns (1427m), Fuorns, Acla (1477m) e Pardatsch Dado (1519m).
La salita ridiventa impegnativa con un breve tratto molto duro e dopo un ponte (1559m) supera Pardatsch Dadens e raggiunge St.Gions (1621m); poche centinaia di metri dopo la località la salita diventa dolce per lungo tratto nel Plaun da Neuls, poi ritorna impegnativa, soprattutto nel tratto dei due tornanti che conducono alla diga (1917m).
Si imbocca una semigalleria paravalanghe di quasi 2 Km lungo il versante meridionale del Lago di S.Maria; l'illuminazione e la respirazione sono garantite dalle ampie finestre aperte a valle; nella galleria a quota 1972m la pendenza si inverte e si scende moderatamente fino al passo.


La discesa verso Biasca e' un toboga di 40 km che nonostante le fatiche della giornata ci fa divertire portando le nostre bdc e gamba allo sfinimento
Ottimo giro e ottima compagnia da rifare ma sempre in questo periodo in quanto a quota 2000 faceva freschino.
un suggerimento ...portatevi da mangiare da casa perche' in Swiss costa una fucilata......

lunedì 17 agosto 2015

21 AGOSTO:IL BOTTO DI FINE ESTATE TRITTICO DELLE ALPI TICINESI

Per tuttii makaki e non che sono ancora in vacanza segnatevi questa data sulla vostra agenda:
21 AGOSTO 2015

SAN GOTTARDO, OBERALP e LUCOMAGNO

Il "Trittico Alpino Ticinese"


Località di partenza e arrivo: Biasca (Svizzera, TI), m. 301
Lunghezza km: 157,8
Salite: Passo del San Gottardo (m. 2.108), km. 13,1 (12,5 di salita) da Airolo (m. 1.180); pendenza media 7,3 %, pendenza max. 12,0 %. Oberalp Pass (m. 2.044), km. 10,7 da Andermatt (m. 1.440); p. media 5,6 %, p. max. 10,0 %. Passo del Lucomagno (m. 1.914), km. 18,3 (17,1 di salita) da Disentis-Mustér (m. 1.075, ponte sul Reno); p. media 5,3 %, p. max. 10,0 %.
Note: Dislivello complessivo: m. 3.300. Fondo stradale in pavé sulla vecchia strada che da Airolo sale al San Gottardo lungo la Val Tremola (a tratti nella prima parte, interamente negli ultimi 6 chilometri). Numerose gallerie tra Disentis-Mustér e Passo del Lucomagno
Non mancate........
PARTENZA ORE 6.15  PARTENZA DA CARREFOUR DI PADERNO DUGNANO
ARRIVO A BIASCA PER LE 8.30 E 
RITORNO PREVISTO  PER LE 18

MI RACCOMANDO CIBO E INDUMENTI PER AFFRONTARE LE DISCESE


domenica 16 agosto 2015

JACK:LO STELVIO E' TUO

Il piacere della bicicletta è quello stesso della libertà. Andarsene ovunque, ad ogni momento, arrestandosi alla prima velleità di un capriccio, senza preoccupazioni come per un cavallo, senza servitù come in un treno. La bicicletta siamo ancora noi che vinciamo lo spazio e il tempo. (Alfredo Oriani)

I MURI DEL COMASCO

Giro veramente inedito e sopratutto molto duro per i reduci del Tram rimasti a casa questo 16 agosto.
Partenza alle 7.30 dal Capolinea e la banda composta da Favatar,Claudio,Lepre,Gianni,Luca Sanna e poi raggiunti da Giancarlo si avvia per la Comasina.
Pronti via affrontiamo le prime rampe di Carimate per raggiungere i mangia&bevi della zona di Brenna.Raggiungiamo Erba e anche qui affrontiamo una ascesa di 1 km bella tosta che ci porta sulla strada per Albavilla.....ed e' qui che inizia il bello.
Il muro di Albavilla e' uno strappo di 1 km con pendenze veramente toste intorno al 15% che ci portano a meta' salita dell'Alpe del Vicere'.
Decidiamo di non farla e ci portiamo verso Tavernerio dove prendiamo una piccola via che ci fa sbucare vicino al cimitero di Ponzate.(daprovare)
L'ottovolante non finisce perche' per raggiungere Brunate si continua ad inerpircarsi su strappi veramente al limite della bdc......in alcuni punti il mio Garmin segnava 24%.....
Giunti a Brunate solita foto di rito e discesone verso Como affollata di turisti.
Il san Fermo e' fatto tutto di un fiato e i PR su Strava fioccano a go go.
Il ritorno a casa per la Comasina e' una cronometro squadre con il solito Lepre che la fa da padrone.





venerdì 14 agosto 2015


MA IN SETTIMANA SI LAVORA O SI PEDALA

In questi giorni di ferie tanti makaki si cimentano in grasse e grosse pedalate





LA CONQUISTA CAMUNA......


Quello del Vivione, in Valcamonica, è uno di quei Passi che prima o poi tutti, ciclisti, motociclisti, escursionisti, desiderano scalare. Sarà che la strada sale quasi interamente all’ombra del bosco, sarà per la sua lunghezza,  per i borghi antichi che si attraversano, per le cascate, i ruscelli, la pace che dicono si respiri qui (sic!); insomma, ci sono tante ragioni che lo rendono speciale e lo contraddistinguono dagli altri … e la curiosità è davvero tanta!
Partiamo da Breno alle 8.30 per raggiungere il nostro amico Luca Bianchi che ci fara' gli onori di casa.
Caffe' e dopo 18 km imbocchiamo la prima salita del giorno:Passo del Vivione
I 20 km di salita da Forno Allione al Passo sono molto suggestivi e, quando il traffico cessa e il rombo dei motori si allontana, possiamo pedalare nel bosco silenzioso ascoltando il gorgogliare dell'acqua del torrente e delle cascatelle. Per i primi 15 km la strada si snoda con pendenze tra il 6 e l'8%, quindi non particolarmente impegnativi, fino ad un pianoro, dopo il quale la salita diventa costantemente severa e il bosco più rado. Superiamo il ponte su un impetuoso torrente; la pendenza è cattiva, con tratti al 13%, ma mi distraggo guardando una bella cascata. Procediamo in costa con pendenza sempre dura e continua; la strada è tagliata nella roccia, sulla sinistra c'è il burrone e si gode una bella vista retrospettiva sulla Val Paisco. All'improvviso sbuchiamo in una grande sella di prati e boschetti, ma la pendenza non accenna ad attenuarsi e si mantiene bella tosta fino a poche centinaia di metri dal rifugio. L'ambiente qui è selvaggio, con cime aspre e ampi valloni che discendono verso il valico.
Certo che fare questa ascesa in un giorno feriale ci permette di gustare il tragitto senza auto e moto.

Arrivati in cima abbiamo il tempo per fare le nostre di foto di rito per piombarci nella discesa molto tecnica verso Schilpario.
Uno scroscio improvviso non ci permette di gustare la discesa anzi ci fa rabbrividire e giunti in paese abbiamo la pelle d'oca.
La salita verso il Passo della Presolana e' molto cattiva e presenta tratti veramente duti con picchi al 15%.9 km belli tosti che ci portano in cima al Passo

Tempo di celebrare la foto dell'ormai gruppo famoso Quelli del baretto.....e poi giu' in picchiata verso l'ultima ascesa inedita:Croce Di Salven
Sette chilometri non particolarmente impegnativi, belli dal punto di vista paesaggistico e soprattutto tranquilli che ci portano nell'abitato di Borno.
Da li iniziamo una discesa lunghissima e molto veloce verso Breno per raggiungere l'auto per ritornare a casa.
Il nostro anello ci fa portarea casa circa 100 km con ben 2500 mt di dislivello.....direi tanta roba.
Dal vostro inviato

Favatar79



mercoledì 12 agosto 2015

LE REGOLE DEL DORMIRE BENE

Ciao,

la settimana scorsa abbiamo parlato di sonno e di quanto sia importante la quantità e la qualità del riposo in funzione della nostra salute psico-fisica e naturalmente in funzione delle nostre performance in bicicletta.

Oggi scopriamo 3 consigli pratici per dormire in modo davvero rigenerante.
Sonno e ciclista
Ecco cosa troverai nell'articolo :

  • perché devi evitare il telefonino prima di dormire
  • gli effetti dell'allenamento serale, e quanto tempo devi recuperare prima di coricarti
  • come quello che mangi influenza il tuo sonno.
Questo ed altre cose molto interessanti ed utili

Evitare gli smartphone

Un altro suggerimento della dottoressa  Halson per una buona dormita e che solo negli ultimi cinque anni o giù di lì è divenuto rilevante è evitare l'uso di smartphone a letto.

"La luce che viene emessa da questi dispositivi passa ovviamente attraverso gli occhi e direttamente al cervello colpendo così l'orologio biologico."

Uno dei composti chimici nel cervello che svolge un ruolo fondamentale nel facilitare un sonno regolare è la melatonina. La produzione di questo ormone che genera sonnolenza, è bloccato dalla luce del sole (e altra luce) durante il giorno, grazie a questo processo rimaniamo svegli e vigili. Di notte, quando la luce scompare dal cielo, la melatonina si accumula nel cervello, stimolando la classica sonnolenza che ci invita ad andare a letto. Questo a meno che non ci spariamo della luce negli occhi prima di coricarci.

"Non siamo esattamente sicuri quanto questo causi un problema in termini di produzione e accumulo di melatonina, ma se combinano le potenziali influenze su di essa più la stimolazione che deriva da controllare e-mail o vari social media giusto prima di dormire , è davvero un problema specialmente per gli atleti” aggiunge la dottoressa Halson.


Attenzione ad allenarsi di sera

Mentre molti ciclisti  tendono ad alzarsi presto per l'esercizio fisico, ci sono quelli che preferiscono o sono costretti ad allenarsi la sera. Come ci potremmo aspettare, l’esercizio in notturna è potenzialmente dannoso al fine di godere di un sonno normale.

"Allenarsi  ad alta intensità, la sera tardi, non risulta essere una buona scelta. Perché ciò che vi serve è staccare da tutto e rilassarsi un bel po’ prima di dormire, non si può semplicemente staccare la spina ", ha detto la dottoressa Halson. “Se prendiamo i calciatori professionisti per esempio, hanno bisogno di quattro ore post-partita prima di riuscire a dormire, non è possibile semplicemente finire ed addormentarsi subito ".

La situazione ideale secondo la dottoressa Halson, dovrebbe essere terminare l’allenamento ed avere sufficiente tempo per mangiare qualcosa  e rilassarsi a sufficienza prima di dormire. Per la MAGGIOR PARTE delle persone stiamo parlando di almeno un'ora.

"La gente va a letto e pensa 'ho appena finito l’allenamento, dovrei essere molto stanco ', ma ci potrebbe essere ancora un po' di adrenalina o altri tipi di ormoni in circolazione, la temperatura corporea è probabilmente alta e tutto ciò non va a beneficio di un buon sonno. "

Dimmi cosa mangi e ti dirò come dormi

Per gli atleti professionisti (e amatori che stanno cercando di perdere peso) la sensazione di andare a letto affamati dopo una lunga pedalata sarà alquanto familiare. Anche se esistono ben poche ricerche a riguardo, si ritiene che andare a letto affamati potrebbe pregiudicare una buona dormita. D’altra parte, a quanto pare, andare a letto con la sensazione di essere eccessivamente pieni rovina comunque il sonno.

E come spiega la dottoressa Halson, non solo quanto si mangia, ma ciò che si mangia prima di dormire potrebbe incidere su quanto bene si dorme.

"C'è un certo numero di sostanze che si possono ingerire le quali, attraverso una serie di processi chimici, produrranno la melatonina. Così potreste essere in grado di aiutare il sonno  mangiando diversi tipi di proteine o carboidrati “ continua la dottoressa "Questa è una cosa alla quale ultimamente stiamo ponendo la massima attenzione, ovvero come essere in grado di stimolare il recupero muscolare e allo stesso tempo non pregiudicare un buon sonno."

L'impatto di una corretta nutrizione sul sonno è un argomento che tuttavia non è stato approfondito a sufficienza, ma si ritiene che ci siano alcune proteine, quali triptofano per esempio, che potrebbero promuovere un sonno  migliore. Ma come dicevamo c’è molto lavoro ancora da fare a riguardo.

"Al momento non c'è probabilmente nulla di certo da poter dire 'Dovreste prendere questo', se non per esempio il latte il quale contiene tutti i macronutrienti necessari. Così il vecchio consiglio di bere un bicchiere di latte caldo prima di coricarsi è tutt’ora valido. " [per chi lo può digerire ndr]