MAKAKOTEAM

Patterned Text Generator at TextSpace.net

lunedì 9 dicembre 2019

LA VALCAVA NON MI BASTA

Ciao sono Cesare Parolini sono un cicloamatore da circa 12 anni ma da sempre cicloturista, perché oltre alle uscite per allenamento o per le gare  amo anche passare le giornate in sella alla bici esplorando e visitando tutto quello che non posso vedere in BDC, non mi reputo un grande scalatore .....ma in salita mi piace vendere a caro prezzo la mia pelle, ogni anno mi prefiggo un obbiettivo e il 2019 è stato l'anno della Valcava  proposta come sfida dal Makaki Team, così ho preso la palla al balzo visto che è  anche stata la mia prima vera salita, allora dovevo trovare una motivazione e un perché a ciò che dovevo fare, così ho scelto i miei anni 52. L'avventura è partita non nei migliori dei modi subito la prima volta ho dovuto rinunciare proprio si piedi della salita per una foratura del mio compagno, pioggia neve freddo sono stati i miei compagni di viaggio fino a Giugno, poi il caldo il vento non di sono fatti mancare fino a settembre, ho affrontato l'ascesa solo in compagnia con amici o con sconosciuti sono caduto o visto albe e tramonti spettacolari in cima ho conosciuto tantissima gente che mi seguivano su facebook. In conclusione sudore tempo fatica impiegati in questa avventura sono stati spesi bene anzi benissimo, colgo l'occasione per ringraziare tutti i Makaki che mi anno accompagnato più volte fino in cima e tutti quelli che mi hanno sopportati in Chat .
Cesare per noi sei un esempio e quest'anno se i stato il numero uno degli ignoranti sfiadando questa salita per ben 52 volte


L'IMMACOLATA MAKAKA

Finalmente il sole su questa prima festivita' di dicembre.I nostri makaki sempre in forma e sul pezzo hanno onorato alla grande questo fine settimana
Igno come sempre originali in terre liguri
Vito e company sul lago di Como
la menata immacolata con il presidente 
sempre lago per il vaporetto 
Guido sulle salite della sua Bergamo




sabato 7 dicembre 2019

CHI E' EMANUELE CHIESA



Emanuele Chiesa,noto biomeccanico delle nostre zone sara' ospite alla nostra festa di natale in programma il 15 dicembre.
Abbiamo scelto un intervento da parte sua perche' riteniamo importante il posizionamento sulle nostre bici da corsa e chi meglio di un esperto come lui ci puo' dare consigli e sopratutto posizionarci in modo corretto sul mezzo.

Ho conosciuto Emanuele circa 10 anni fa quando lavorava da Bortolami,volevo comprare una bici e sopratutto volevo stare comodo senza avere dolori.
All'epoca acquistai una Specialized Roubaix e mi mise in sella in maniera maniacale.
Col tempo sono dimagrito e ho cambiato le mie bici e circa tre anni fa ho deciso di tornarci per ritrovare l'assetto perduto.Ora lavora in un suo ufficio e spesso organizza trasferte per raggiungere ogni parte d'Italia.
Sempre gentile e maniacale mi ha rimesso sulle mie Cannondale e ad oggi sono soddisfatto di aver investito dei soldi su questo punto importante per noi ciclisti.
Visto la mia esperienza e le esperienze di altri ciclisti ho chiesto un intervento alla festa dove introdurrà le basi del posizionamento e si dedicherà durante la festa a chi volesse maggiori informazioni e fissare con lui un appuntamento.

Qualche feedback da amici messi in sella!

(trovi altri feedbacks nella sezione review della pagina facebook: recensioni e feedbacks )

Da tempo volevo fare il test biomeccanico con Emanuele e finalmente qualche giorno fa ci sono riuscito. Che dire… Mi ha cucito la bici addosso. Dopo le regolazioni e la prova sui rulli è stato il test su strada che mi ha sorpreso. Il feeling col mezzo è stato immediato, più reattivo più comodo e una sensazione di spinta uguale con tutte e due le gambe… Cosa che nn provavo da tempo. Sono veramente soddisfatto e oltre alla professionalità è anche molto disponibile nei giorni seguenti al test. GRAZIE!!!
Ivan Fiorini (da Facebook) [14 aprile 2017]


Ho conosciuto Emanuele in primavera del 2015 ed ho capito subito che era la persona giusta. Con due protesi alle anche e svariati interventi l’assetto del mio bacino è quel che è… Emanuele ha capito subito e risolto le mie problematiche. Il risultato è stato sorprendente per aumento dell’efficienza e scomparsa di tensioni e dolorini vari.
Di lui ho apprezzato la professionalità, le competenze e la grande umiltà, merce molto rara oggi.
Battista Cagnoni (da Facebook) [16 dicembre 2016]


Ho avuto la fortuna di conoscere Emanuele.
Ho fatto la visita e nonostante (colpa mia) mi ostini ad usare ancora pedali flat sulla MTB adesso mi trovo davvero bene in bici.
Consiglio vivamente quindi di affidarsi alle “cure” di Emanuele, persona molto molto competente, professionale, gentile e disponibile.
Grazie infinite
Alessandro Barra (da Facebook) [3 novembre 2017]


Ciao Emanuele,
dopo 5 giorni di attesa il meccanico ha sistemato la bici ed ho potuto testare il nuovo assetto!
Ho fatto 100 km sabato e 150 domenica e a parte un po’ di dolore alle gambe (soprattutto domenica) per via del fermo forzato di 5 giorni, mi sono trovato davvero bene! Trovo la bici più comoda e riesco ad avere una pedalata più rotonda! Sono soddisfatto!
Riccardo


Ciao Emanuele! ho provato la bici come è diversa basta variare di qualche millimetro e cambia tutto.Mi trovo molto bene rispetto a prima più corto e meno affaticato,le gambe girano molto meglio pensa riuscivo a cantare sotto sforzo. Adesso la proverò su un medio percorso di circa 60 70 KM poi ti farò sapere .ti ringrazio per la tua professionalità e la tua dedizione a presto .Dimenticavo il manubrio compact meraviglioso prendo la parte bassa nello stesso modo in cui prendo le altre posizioni. Grazie ancora saluti
Paolo


Ieri sera ho provato la NUOVA posizione per una trentina di km (non avevo molto tempo) con PIENA SODDISFAZIONE, la sensazione di pedalare in “scioltezza” ma con la massima efficacia era netta, peccato che dopo la gara di domenica il cuoricino era un pò affaticato e non saliva più di tanto, ma questo è un dettaglio che non influenza il test di posizionamento, ribadisco veramente positivo.
FINALMENTE posso usare la posizione bassa con facilità, per me questo è un grosso passo in avanti , in particolare per il controllo e la sicurezza in discesa.
FINALMENTE sento lavorare molto i quadricipiti evitando il carico su ginocchia e polpacci.
Sono prorpio soddisfatto, ti ringrazio e ti invio un Caro saluto.
Gigi – Saronno


Ciao Emanuele,
eccomi qua con le prime impressioni. Breve uscita mattutina, circa 60Km su e giu in Brianza senza forzare stando bene attento alle sensazioni.
Inutile dire, che dopo 9 mesi di posizionamento “estremo” (ndr: arretramento al limite, altezza sella elevata) è stato un bel cambiamento.
Le prime pedalate suonavano chiaramente strane poi piano piano ci ho preso l’abitudine. La prima vera notizia è che non ho accusato dolori da nessuna parte.
Certo mi riservo una verifica piu esaustiva con unscite sopra i 100Km e un po di belle salite dentro, ma comunque è un dato importante da registrare.
La seconda indicazione è che trovo molto piu naturale pedalare con la mani sulle leve mentre fino a ieri le avevo spesso sulla barra, non sento stanchezza nel tenerle addirittura giu, quindi in soldoni la posizione mi sembra abbastanza naturale, nel senso che non sento forzature alla schiena o al collo, quindi un impostazione diciamo piu “rilassata”.
Altra indicazione, in salita riesco a tirare di piu i rapporti, prima sentivo proprio l’esigenza di far girare molto le gambe per mantenere la velocità che volevo.
Giudizio generale buono, ma tempo permettendo vorrei provare di piu questo week end per capire meglio. Soprattutto mi piacerebbe capire bene come è cambiato l’assetto anche in curva soprattutto in discesa visto che adesso sono piu avanzato, quindi con piu peso sulla ruota anteriore. Chiaramente ti terrò informato.
Appena posso vado a comprare le tacchette. Adesso le brugole sono praticamente tutte contro, a fine corsa, quindi mi consigli di spostarle di circa 3 mmm. Lo farò e ti faccio sapere.
Grazie mille per la documentazione, sembra molto esaustiva, me la guarderò con calma a casa stasera.
Marco – prov. di Como

http://www.emanuelechiesa.it/
https://www.facebook.com/emanuele.chiesa