MAKAKOTEAM

Patterned Text Generator at TextSpace.net

giovedì 4 giugno 2015

7 GIUGNO 2014:UN PO' DI SALUTE CON IL CORNIZZOLO

Salve Makaki scusate il ritardo ma ecco a voi il giro per questa domenica 7 giugno.
Il caldo la sta facendo da padrone e per questo anticipiamo la partenza per le 7:30 in Villa.
Lo so e' presto ma se volete macinare kilometri senza soffrire e tornare a casa ad un  orario accettabile questa potrebbe essere l'orario estivo.
Partenza Ufficiosa ore 7:00 dal capolinea mentre l'orario della partenza ufficiale e' alle 7.30 in Villa reale.
Partiremo per dirigerci per affrontare la prima salita della giornata;ALPE DEL VICERE' chiamata 
anche salita della Salute.
Se amate il contatto con la natura questa è la vostra salita.
Vi consiglio di percorrerla nelle prime ore del mattino; vi renderete conto di quanta fauna popola questo territorio! 
Si parte dal centro di Albavilla; dopo circa 700 metri troverete uno dei punti più impegnativi : circa 300 metri al 11,3%. La salita prosegue mantenendosi su pendenze impegnative fino al terzo chilometro dove affronterete la pendenza massima; circa il 12% per circa 100 metri. Poi, pendenze più pedalabil fino all'arrivo.
ATTENZIONE: L'ingresso del parcheggioAlpe del Vicerè non è sulla strada principale; allo scollinamento al chilometro 5,6 guardate a sinistra; vedrete l'ingresso a 100 metri.
Se siete in MTB potete proseguire verso la Capanna Mara - Monte Palanzone e portarvi alla Colma di Sormano. Con la bici da strada dovrete tornare ad Albavilla.
ATTENZIONE: questa salita é da evitare nelle domeniche mattina di maggio - agosto. L'Alpe del Vicerè è meta di numerosi turisti. In queste mattine il traffico é elevatissimo e rischierete di fermarvi in coda alle auto.
Giunti in cima aspetteremo tutti per la prima foto del giornoe poi picchiata verso Erba dove ci porteremo alla seconda salita della giornata fino a lago di Segrino.
Uno strappetto di pochi chilometri che ci portera'ai piedi del Cornizzolo.
Il Cornizzolo é una delle salite più impegnative del Triangolo Lariano. Ripaga la fatica con spettacolari panorami sulla Brianza prima, sulla Valassina all'uscita dei boschi e sul lago di Como e sulle Alpi e Prealpi alla vetta. 
Si incomincia subito con pendenze che "fanno male", tra il 10 e il 15%. Un po' di piano al Km 2,2 al passaggio in località Campora e si riprende a salire. Al Km. 2,8 un cancello - quasi sempre chiuso - costringe a mettere i piedi a terra. Forse e' una fortuna perchè qui iniziano i 2 km più duri con punte superiori al 20%. 
Al km 4,8 in concomitanza con l'uscita dal bosco le pendenze si fanno più dolci.
Al km. 5,6 la strada quasi spiana; se avete ancora forze é il momento di cambiare rapporto e tentare il tempo!.

A luglio 2011 è stata riasfaltata buona parte del percorso e ora anche la discesa è percorribile, con estrema prudenza, anche con la bici da strada. Ricordiamo di prestare la massima attenzione, rispettando i pedoni, che salgono occupando tutta la carreggiata, e i ciclisti in difficoltà .
La strada é chiusa al traffico ma é possibile incrociare minibus che trasportano persone al rifugio. 
Un consiglio: se potete, evitatela nelle giornate estive e afose perchè è facile imbattersi in tafani pronti a perseguitarvi per buona parte del percorso. 

In cima sara' uno spettacolo e la discesa verso Longone sara' piacevole

Il ritorno sara' caratterizzato dal lungo dai due cavalcavia di Monguzzo che ci porteranno verso casa.
Un giro adatto a tutti coloro che amano le due salite piu' kattive della Brianza.Ovviamente per chi non vuole affrontare le due ascese puo' fare solo l'Alpe e poi rientrare verso Casa.
120 km con 2300 mt di dislivello
http://www.3bmeteo.com/giornale-meteo/apice-del-caldo-tra-venerd--e-domenica--fino-a-34-c-in-pianura-70081
Vi Aspettiamo