MAKAKOTEAM

Patterned Text Generator at TextSpace.net

domenica 3 maggio 2015

IL MAKAKOTEAM SPIANA LE ALPI

i siti meteo avevano promesso acqua, invece la pioggia non si è vista. Dimezzati i partenti rispetto agli iscritti. Gradito da tutti il nuovo tracciato. Casartelli e la De Marchi trionfano sulla granfondo, Viglione e la Porcini firmano la mediofondo. Il brianzolo Makakoteam è il primo sodalizio per chilometri pedalati. Gran Trofeo e Coppa Lombardia al giro di boa. 

3 maggio 2015, Chiesa in Valmalenco (So) – Ancora una volta le previsioni meteorologiche nefaste hanno fatto desistere dalla partecipazione gran parte dei ciclisti, ma la realtà è stata poi ben diversa dal previsto.
La conta degli iscritti alla 14ª Granfondo delle Alpi, la mattina di domenica, registrava poco più di 1000 nominativi, ma le cattive previsioni meteo associate a nuvoloni minacciosi in cielo hanno fatto desistere molti ciclisti dal partecipare, portando nelle griglie di partenza poco meno di 600 affezionati alla prova valtellinese.
Ma la Fortuna bacia gli audaci, che sono stati premiati da una giornata asciutta, sebbene non limpida, con temperature non certo primaverili, ma comunque accettabili.
Decisamente apprezzati i nuovi percorsi, che hanno di fatto eliminato la SS38 dello Stelvio, limitandone il passaggio a una decina di metri.
Due percorsi di vera montagna, che si sono fatti sentire sulle gambe dei partecipanti: il granfondo di 116 chilometri con quasi 2700 metri di dislivello e il mediofondo di 82 chilometri con 2000 metri di dislivello.
Il gruppo prende il via alle 9.35 di domenica mattina con un ritardo di 5 minuti studiato già alcune settimane per potere giungere al passaggio a livello di San Giacomo sicuri di trovarlo aperto.
Dopo il primo tratto di trasferimento a velocità rigorosamente controllata dalle moto della Scorta Tecnica che porta a Sondrio, il via volante viene dato ai piedi della prima salita che porta a Montagna in Valtellina e successivamente a Poggiridenti.
Qui i migliori forzano il passo e prende vita la prima selezione di giornata, ma è sul tratto della panoramica che evade la fuga di giornata per opera di Maurizio Anzalone (Equipe Exploit) alla cui ruota si lanciano il piacentino Stefano Carini (Raschiani Valnure) e il monregalese Leonardo Viglione (Team UCSA).
Il battistrada procede compatto lungo la nuova ascesa di Castello dell'Acqua, ma è la salita di Teglio che cambia le carte in tavola. Anzalone perde contatto, ma in testa alla corsa si aggiunge il bormiese Christian De Lorenzi (Alta Valtellina Bike).
Il terzetto procede compatto fino al bivio dei percorsi, dove sul mediofondo svoltano Viglione e Carini, mentre De Lorenzi si lancia solitario verso il granfondo con quasi quattro minuti di vantaggio sul gruppo degli inseguitori dove sono presenti i i favoriti della granfondo.
Il duo Carini-Viglione si invola verso il traguardo di Chiesa in Valmalenco, dove la bagarre si scatena sugli ultimi tornanti ai -3 chilometri al traguardo, ma è sul rettilineo dell'arrivo che Leonardo Viglione precede il piacentino Stefano Carini. Terza piazza per Simone Favaro (Orobie Cup Team).
Tra le donne la vittoria va a Silvia Porcini (A.S.D. Team Solura) che precede di pochissimi secondi la bergamasca Carolina Rossi (Asd Team Isolmant). Sale sul terzo gradino del podio Natalia Glowa (Ciclotech).
Intanto sul granfondo si devono ancora affrontare le salite di Berbenno e di Triangia, prima di immettersi sulla provinciale della Valmalenco, che porterà gli atleti al traguardo.
Il bormiese continua la sua cavalcata, ma alle sue spalle, su Berbenno, i favoriti forzano il passo e sgretolano il gruppo. Ci prova Fabrizio Casartelli (Equipe Exploit) e a poche centinaia di metri dallo scollinamento di Triangia viene ripreso e superato un De Lorenzi ormai esausto. Si ridisegna lo scenario in testa alla granfondo con Casartelli, Paolo Castelnovo (Team Ucsa) e Sandro Caravona (Team Isolmant) a cavalcare indomiti verso il traguardo. Ai -4 al traguardo Casartelli lancia l'attacco a cui nulla possono i compagni di fuga, terminando la sua azione sotto lo striscione dell'arrivo a braccia alzate. E' volata per il secondo posto, dove il milanese Castelnovo riesce a precedere il bergamasco Caravona.
Dominio completo della novarese Sabrina De Marchi (Team De Rosa Santini) nella corsa femminile, che precede di alcuni minuti la piacentina Viviana Brazzo (Team Perini Bike) e la svizzera Ylenia Polti (Mt Bike).
Tra le società, per numero di chilometri pedalati, primeggia la brianzola Makakoteam, seguita a ruota dal Pedale Lecchese, mentre al terzo posto si piazza la reggiana ASD Cooperatori.
Il trofeo Ugo Balatti, a cui è intitolata la Granfondo delle Alpi, viene consegnato dalla signora Giusy, la moglie di Balatti, a Riccardo Toscano del Como Bike.
Così, mentre lo speaker Silvio Mevio congeda e ringrazia i partecipanti, viene dato l'appuntamento alla 15ª edizione nel 2016.
Sia il Gran Trofeo Gs Alpi che la Coppa Lombardia sono giunti al giro di boa. I prossimi appuntamenti saranno la Granfondo La Campionissimo del 28 giugno ad Aprica (So) per il primo e la Granfondo Cooperatori Terre di Lambrusco del 14 giugno ad Albinea (Re) per la seconda.
MEDIO
assoluto NOME categoria POS_CAT tempo
19 MICHELE FRANZI M2 5 2:50:51
37 CRISTIAN TRONCONI M3 6 2:56:55
45 FABRIZIO CASSATA M4 3 2:58:50
46 GIOVANNI ROSSETTI M7 2 2:58:50
51 PAOLO MAZZOTTA M3 8 3:00:08
54 FRANCO CASATI M3 9 3:00:16
55 IVAN PERCELSI M3 10 3:00:16
84 DAVIDE CARPENZANO M3 16 3:04:32
112 EZIO DI GAETANO M5 8 3:11:51
127 MARCO DI ROMA ELMT 15 3:16:52
148 CLAUDIO POZZOLI M6 11 3:20:05
168 AGILDO LUCIA M3 25 3:27:05
173 LUCA AROLDI M4 32 3:27:37
175 MATTEO BARTOLI M4 33 3:28:29
183 GIOVANNI MEREGAGLIA M6 15 3:30:23
194 NIVES POZZOLI D2 3 3:33:45
209 FELICE SANTUS M5 15 3:37:36
226 MAURIZIO GANDELLI M6 20 3:43:35
228 MIRKO FAVATA M2 31 3:44:46
231 DAVID RIVA M3 35 3:45:41
233 GERARDO FAMIGLIETTI M7 12 3:46:04
288 ELENA MAGI D3 6 4:23:07
294 MARCO GANDOLA M5 28 4:35:50
301 CARLO CASATI M8 22 5:01:06
LUNGO
assoluto NOME categoria POS_CAT tempo
9 DARIO MACRI' M1 4 3:52:21
18 MASSIMO POGLIANI M5 2 3:56:36
44 GIUSEPPE LANDOLFI M5 4 4:07:21
115 DIEGO ANTONIETTI M3 22 4:29:02
152 ROBERTO BESANA M5 22 4:44:58
156 GIANNI GIBERTONI M3 28 4:47:31
191 MAURIZIO POZZI M3 35 5:09:31
200 ALESSANDRO CAPIZZI M1 19 5:16:09

Franzi 5° classificato medio fondo M2

Cassata 3°classificato medio fondo M3
Rossetti 2°classificato medio fondo m7
Nives Pozzoli 3^classificata medio fondo D2
Dario Macri' 4°classificato lungo M1
Landolfi 4°classificato lungo M5
Pogliani 2°classificato lungo M5
MAKAKO TEAM 1^societa' kilometri percorsi
La partenza
Facce da Granfondo
e se piovera'
la partenza sempre un momento particolare
"Oggi al memorial Ugo Balati Gf delle Alpi ci tenevo. 18 assoluto e arrivare 2 con lo stesso tempo del primo ma con forse 1 millesimo di secondo per effetto del real time o non so cosa mi girano i cosiddetti. Comunque gara molto dura e il tempo ci ha graziato"
le parole a caldo di un grande Massimo Pogliani

Ma chi ve lo fa fare?
indovina di chi e' il calzino
e poi quando tutto sembra finito vedi che spunta chi.......
il tucano perso per le Alpi  per guai tecnici
inoltre voci di corridoio dicono che il nostro Meregaglia abbia corso con queste scarpe
scherzo ma il nostro amico makako ha corso la sua gara con una sola scarpa tacchettata e l'altra no
un impresa

dal vostro inviato sul campo Favatar

E adesso tutti allo Snoopy per festeggiare i primi successi del nostro team che mai come quest'anno sta sbaragliando il campo con successi importanti